Emozioni nascoste

Scuola Matena . NET

Language 

itenfrdeptrues

Login 

Articoli Correlati 

Chi Siamo 

 SCUOLA MATERNA . NET è il sito in cui trovare materiale per la Scuola dell'Infanzia, schede didattiche, progetti didattici e tanto altro ancora.

Pagina Facebook 

Chi c'è on line? 

Abbiamo 66 visitatori e nessun utente online

In evidenza 

Sabato, 03 Novembre 2012 16:52

Emozioni nascoste

Scritto da
Vota questo articolo
(11 Voti)
Emozioni nascoste - 3.4 out of 5 based on 11 votes

 Ciò che prevale nel modo di comportarsi del bambino nella particolare situazione di relazione, è un forte sentimento di Rabbia.

FASE A

Ciò che colpisce di tale comportamento è l’aspetto di aggressività ad esso soggiacente e il fatto che si verifichi in modo del tutto improvviso e inaspettato, mentre gli altri bambini stanno giocando. Di fronte a questo comportamento, ritengo che l’insegnante debba formulare una risposta di feedback che aiuti principalmente il bambino a riconoscere il particolare stato emotivo che sta vivendo (attribuendogli un significato), senza necessariamente colpevolizzarlo o giudicarlo. È importante che l’insegnante realizzi, con il proprio intervento, una sintonizzazione sul vissuto emotivo del bambino, che aiuti quest’ultimo a riconoscere ciò che può essergli accaduto a livelli più profondi e che gli consenta, così, di accettare con maggiore disponibilità le conseguenze del suo comportamento.

L’insegnante potrebbe formulare un intervento di questo tipo: “Mi sembra che tu sia molto arrabbiato… per aver lanciato quel gioco… vieni, calmiamoci un attimo, fai un bel respiro…”.

Questo tipo di messaggio attribuisce un significato emotivo al suo comportamento (la rabbia) e gli comunica che si è verificata quella sintonizzazione emotiva di cui sopra. Inoltre, consentendo di raggiungere un clima più disteso, lascia aperta la possibilità che il bambino spieghi, dal suo punto di vista, l’accaduto, senza bloccare il processo comunicativo con l’insegnante. Solo in un secondo momento, sarà possibile riflettere con lui sulle conseguenze del suo gesto e sull’appropriatezza di esso.

Questa risposta di feedback, che meglio si presta a comprendere gli stati emotivi del bambino, spesso si contrappone ad altri tipi di risposta:

  • Intervento autoritario (“Adesso rimani in silenzio e ripensa a quello che hai combinato”): comunica al bambino che i suoi sentimenti non sono importanti e che non è accettato e stimato così com’è.
  • Intervento di minaccia (“Smettila, chiedi scusa ai tuoi compagni, altrimenti non giocherai più con loro”): difficilmente la minaccia produce effetti educativi; generalmente evoca sentimenti di ostilità, favorendo una relazione passiva e superficiale.
  • Intervento giudicante (“Sei un bambino sciocco, non sai giocare con gli altri”): può far sentire il bambino inferiore e inadeguato, influenzando negativamente la sua autostima e il suo senso di sicurezza.
  • Intervento moralistico (“Non devi tirare gli oggetti, qualcuno può farsi male, bisogna giocare insieme agli altri, rispettarsi e volersi bene”): comunica scarsa fiducia nelle capacità del bambino, spingendolo a sottostare passivamente al potere dell’autorità o del giudizio altrui.

 Tutti questi interventi comunicano rifiuto, specialmente se espressi con atteggiamenti di rigidità e severità, e non aiutano il bambino ad attribuire un significato alle proprie reazioni emotive.

 FASE B

In base alla teoria dell’iceberg, la rabbia, in qualità di sentimento manifesto e superficiale, nasconde sentimenti più profondi, che guidano il comportamento e le azioni delle persone. Nel caso sopra descritto, ipotizzo che la rabbia rappresenti un sentimento di copertura rispetto ai seguenti sentimenti latenti:

  • Delusione: è possibile che il bambino sia rimasto deluso dai comportamenti dei compagni che, escludendolo dal gioco, hanno scatenato in lui la reazione di rabbia.
  • Frustrazione: il bambino, escluso dal gioco dai compagni, si è presumibilmente sentito frustrato nel suo bisogno di entrare in relazione con loro; per questo motivo, se la prende con i compagni e, indirettamente, con l’oggetto del gioco, scagliandolo contro il muro.
  • Gelosia: il bambino può essersi sentito tradito nel vedere giocare i compagni senza di lui (magari anche il suo amico del cuore), provando conseguentemente rabbia e ostilità.
  • Paura: sentendosi escluso dal gioco, il bambino può aver sperimentato una delle paure fondamentali dell’infanzia, la paura di essere abbandonati o la paura della solitudine, ed aver reagito con rabbia per difendersi da tali paure.

 FASE C

Programmazione di un’attività di “Educazione alle emozioni”

Ho proposto e realizzato nella sezione 8 della Scuola dell’Infanzia di Carnate un’attività di “Educazione alle emozioni”, avente i seguenti obiettivi:

  • Identificare e denominare i sentimenti
  • Esprimere i sentimenti
  • Riconoscere le diverse espressioni del viso (e, più in generale, i segnali non verbali) connessi all’espressione delle emozioni

L’attività, denominata “Disegniamo le emozioni”, ha richiesto a ciascun bambino di disegnare situazioni specifiche nelle quali sono coinvolte due emozioni di segno opposto: la felicità e la tristezza.

Il foglio, fornito ad ogni bambino, è stato suddiviso in due parti: la parte sinistra “Sono felice quando…” e la parte destra “Sono triste quando…”.

All’attività di disegno, svolta individualmente, ha fatto seguito un momento collettivo di conversazione, durante il quale ciascun bambino ha raccontato ai compagni le situazioni disegnate (Ad esempio, “sono felice quando gioco con i miei compagni”, “sono triste quando la mamma mi sgrida”).

Con l’aiuto delle insegnanti, i bambini hanno, altresì, identificato le diversità nell’espressione mimico-facciale (e, più in generale, nell’espressione corporea) in funzione dell’emozione espressa:

  • la bocca sorridente, contrapposta alla bocca “all’ingiù”;
  • le lacrime, in caso di tristezza;
  • lo sguardo rivolto verso il basso (quando, ad esempio, si prova tristezza in seguito ai rimproveri dei genitori);
  • la posizione del corpo “rannicchiato/ripiegato” quando si è tristi, contrapposta ad una maggiore rilassatezza quando si è felici;
  • la diversa occupazione degli spazi fisici (in un angolo quando si è tristi; in relazione con gli altri quando si è felici).

 FASE D

Nel contesto scolastico si intrecciano numerosi bisogni e sentimenti, che contraddistinguono entrambi i poli dell’interazione educativa: insegnante e alunno. Se, da un lato, le azioni educative dell’insegnante sono costantemente mosse dal suo bisogno di autorealizzazione dall’altro, le risposte del bambino sono fortemente influenzate dai suoi bisogni sociali, relazionali, dai bisogni di sicurezza, nonché da una vastissima gamma di emozioni, che variano considerevolmente da un momento all’altro.

Nel corso della mia esperienza professionale nella Scuola dell’Infanzia mi sono ripetutamente trovata di fronte a situazioni molti simili a quella descritta nel caso di cui sopra. La sezione in cui insegno ormai da un anno circa è composta da bambini dell’età di 4 anni, che hanno trascorso il primo anno di scuola senza avere al loro fianco due insegnanti stabilmente presenti (si sono susseguite decine di insegnanti supplenti). La mancanza di precedenti figure di riferimento per i bambini ha reso ancora più difficoltoso il mio primo impatto con loro: completamente allo sbaraglio, senza avere la minima idea di cosa volesse dire la parola “regola”, molti bambini hanno inizialmente manifestato il loro disagio sotto forma di comportamenti aggressivi (morsi dati ai compagni durante il gioco senza alcun motivo apparente, oggetti scagliati contro il muro e i compagni, lanci di sedie durante le attività in classe…).

In situazioni di questo tipo, che creano inevitabilmente momenti di grande tensione all’interno della classe, sono prevalsi in me sentimenti diversi: la rabbia, la delusione, ma anche la frustrazione per non essere stata spesso in grado di evitare che tali situazioni si ripresentassero. Tra le modalità di intervento sperimentate, ritengo che solo un messaggio finalizzato a comprendere lo stato emotivo del bambino e a sintonizzarsi su di esso sia realmente efficace. Interventi eccessivamente autoritari o di minaccia bloccano qualsiasi modalità di comunicazione con il bambino e spesso producono una reazione di sfida, che aumenta ulteriormente la tensione e provoca una chiusura relazionale. Aiutare il bambino a comprendere la sua emozione attuale, in un clima disteso e rilassato, gli consente, inoltre, di raccontare ciò che è accaduto e di riflettere con calma sull’adeguatezza o meno del suo comportamento.

Letto 5418 volte Ultima modifica il Domenica, 20 Gennaio 2013 12:03

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Privacy

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Sito Web conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere via e-mail la notifica di pubblicazione di un post.

Tale segnalazione sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità e notizie inerenti ai contenuti del sito stesso.
Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione dell'indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi.

Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito.

Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Sito; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi è, dunque, prevista.

In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ art. 7 del D.Lgs. 196/2003 . 
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Francesco Cherubini Cia A. Diaz, 41, Prezzo (TN). mail: info@scuola-materna.net.

Cookies

I “cookies” sono delle informazioni che vengono trasferite sull’hard disk del computer dell’utente da un sito web.

Non si tratta di programmi, ma di piccoli file di testo che consentono ai siti web di memorizzare le informazioni sulla navigazione effettuata dall'utente e di rendere tali informazioni accessibili nel corso della navigazione sul web ad opera di altri siti che utilizzino questo strumenti.
La maggior parte dei siti web utilizza i cookie poiché fanno parte degli strumenti in grado di migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti. I cookie permettono ai siti web di offrire servizi personalizzati (per esempio, ricordare un accesso, conservare i prodotti nel carrello o mostrare contenuti importanti).

Ci sono diversi tipi di cookie: i cookie temporanei (o cookie di sessione) che si cancellano automaticamente con la chiusura del browser e i cookie permanenti che non vengono cancellati ma restano finché non vengono appositamente cancellati o fino alla data di scadenza definita dal sito stesso.
La maggior parte dei browser accetta i cookie automaticamente; l’utente, tuttavia, può disattivare i cookie dal proprio browser, ma in tal caso occorre ricordare che si potrebbero perdere molte funzioni necessarie per un corretto funzionamento del sito web.

Quanto ai cookies in concreto utilizzati in questo sito, essi sono limitati a quelli normalmente definiti come “Cookie strettamente necessari”, in quanto essenziali per la navigazione dell’utente nel sito web e per l’utilizzo delle sue funzionalità come l’accesso ad aree protette del sito e senza i quali i servizi richiesti dall’utente, come fare un acquisto, non possono essere forniti, ed a quelli noti come Targeting Cookie o Cookie di pubblicità, che, diversamente dai primi, vengono utilizzati per inviare annunci mirati all’utente in base ai suoi interessi. Sono anche utilizzati per limitare il numero di volte in cui l’utente visualizza una pubblicità e per valutare l’efficacia della campagna pubblicitaria. I cookie memorizzano il sito web visitato dall’utente e tale informazione viene condivisa con terze parti quali gli inserzionisti.
I browser più comunemente in uso consentono comunque la disabilitazione anche di questo genere di cookies.

INFORMATIVA SULLA PRIVACY

INFORMATIVA ESTESA SULL'UTILIZZO DI COOKIES NEL SITO scuola-materna.net

Durante la navigazione sul sito scuola-materna.net possono essere registrate nel computer dell'utente alcune informazioni sotto forma di Cookies. scuola-materna.net fa uso esclusivamente di cookies di tipo "tecnico", così come definiti dal provvedimento del Garante per la Privacy dell'8 maggio 2014 e pertanto, relativamente a questi, non è soggetto all'obbligo di informativa da esso previsto, poiché si tratta di informazioni esclusivamente funzionali alla fruizione delle caratteristiche del sito stesso.

Durante la navigazione su scuola-materna.net possono però essere presentate all'utente inserzioni pubblicitarie provenienti dal circuito Google Adsense. Tali inserzioni si avvalgono invece di cookies definiti "di terze parti" e possono registrare sui server di Google alcune informazioni circa le abitudini e le preferenze di consumo degli utenti. L'onere di ricevere il consenso in merito ai cookies di terze parti ricade sulle terze parti stesse, come chiarito nelle FAQ del Garante.

Qualora desiderassi essere informato sulla natura dei cookies di terze parti presenti su scuola-materna.net e sulla possibilità  di optare per la loro disattivazione dovrai pertanto consultare il linkhttp://www.google.com/policies/technologies/ads/


A titolo di completezza, desideriamo comunque informarti del fatto che puoi operare una scelta preventiva attraverso le impostazioni del tuo browser o di altri software di Internet Security. Tale operazione può tuttavia inficiare il modo con cui si è in grado di interagire con il nostro sito così come altri siti web, comportando l'impossibilità  di accedere a determinati servizi.

Per ulteriori dettagli tecnici in merito puoi consultare le risorse di assistenza dei browser più diffusi:

Google Analytics

Questo sito web utilizza Google Analytics, un servizio di analisi web fornito da Google , Inc. ( “Google”) . Google Analytics utilizza dei “cookies” , che sono file di testo depositati sul Vostro computer per consentire al sito web di analizzare come gli utenti utilizzano il sito.

Le informazioni generate dal cookie sull’utilizzo del sito web ( compreso il Vostro indirizzo IP anonimo ) verranno trasmesse e depositate presso i server di Google negli Stati Uniti.

Google utilizzerà queste informazioni allo scopo di esaminare il Vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito per gli operatori dello stesso e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all’utilizzo di internet.

Google può anche trasferire queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.

Google non assocerà il vostro indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google.

Potete rifiutarvi di usare i cookies selezionando l’impostazione appropriata sul vostro browser, ma si prega di notare che se si fa questo non si può essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web . Utilizzando il presente sito web, voi acconsentite al trattamento dei Vostri dati da parte di Google per le modalità ed i fini sopraindicati .

Si può impedire a Google il rilevamento di un cookie che viene generato a causa di e legato al Vostro utilizzo di questo sito web (compreso il Vostro indirizzo IP) e l’elaborazione di tali dati scaricando e installando questo plugin per il browser http://tools.google.com/dlpage/gaoptout?hl=en.

#fc3424 #5835a1 #1975f2 #2fc86b #f_syc9 #eef77 #020614063440