Progetti Didattici per la Scuola dell'Infanzia

Giovedì, 08 Giugno 2017 16:30

Disturbo del linguaggio

Scritto da
Vota questo articolo
(2 Voti)

PER APPRENDERE IL LINGUAGGIO: il bambino deve seguire alcune tappe specifiche....

  • Analizzare i suoni linguistici ed identificare le unità che costituiscono le parole,
  • Padroneggiare i pattern articolatori per produrre fonemi (=suoni) della propria  lingua,
  • Acquisire ed ampliare il vocabolario,
  • Padroneggiare le regole morfologiche e sintattiche per articolare le parole in frasi,
  • Apprendere le funzioni comunicative del linguaggio in base al contesto ed all’interlocutore

DISTURBO DI LINGUAGGIO = Ritardo significativo nel raggiungimento delle normali tappe di sviluppo del linguaggio negli aspetti:

  • Fonetico-fonologico
  • Lessicale-semantico
  • Morfo-sintattico
  • Pragmatico
  • SECONDARIO: in associazione con altre condizioni patologiche : deficit neuromotori, sensoriali, cognitivi e relazionali.
  • PRIMARIO O SPECIFICO (DSL): disturbo di linguaggio in assenza di deficit: neurologici, cognitivi, dello sviluppo emotivo-comportamentale.

DSL: Il disturbo specifico del linguaggio (DSL) è un disturbo evolutivo del linguaggio, detto "specifico" in quanto non è collegato o causato da altri disturbi evolutivi del bambino, come ad esempio ritardo mentale o perdita dell'udito.

  • 2-3 maschi ogni femmina
  • FAMILIARITA’
  • Diffusione del 5-7% in età prescolare

La presa in carico precoce..Perché ?

  • intervenire prima che si instauri la consapevolezza delle difficoltà..
  • prevenire il ritiro dall’interazione..
  • salvaguardare l’autostima del bambino
  • maggiore malleabilità e modificabilitàdel “sistema-bambino”MINOR TEMPO
  • MINOR COSTO

ripercussioni sugli apprendimenti scolastici..

Esistono diverse classificazioni del DSL….

CLASSIFICAZIONE DSL IC-10 (International Classification of Desases, 10° edizione)

  • DISTURBO DELL’ARTICOLAZIONE DEL LINGUAGGIO,
  • DISTURBO DELL’ESPRESSIONE DEL LINGUAGGIO,
  • DISTURBO DELLA COMPRENSIONE DEL LINGUAGGIO.

CLASSIFICAZIONE Chilosi, Cipriani, Fapore 2002

  • DISTURBO SPECIFICO RECETTIVO-ESPRESSIVO,
  • DISTURBO SPECIFICO ESPRESSIVO,
  • DISTURBO FONOLOGICO ISOLATO, disturbo che coinvolge solo le competenze fonetico-fonologiche.

Disturbo fonetico-fonologico

DISTURBO FONETICO: ( o articolatorio) Interessa gli aspetti meccanici della pronuncia dei suoni. Il b.o non sa produrre un determinato fono in nessun contesto

DISTURBO FONOLOGICO: Problemi di organizzazione linguistica dei suoni alterata componente simbolica, ovvero i meccanismi di rappresentazione e formulazione del messaggio verbale

ES: fazzoletto /tatoletto/  pianoforte /fianofote/  ciabatte /baciatte/

Come si presenta un bambino con DSL?

A - FONOLOGIA DEL DSL:

  • Inventario fonetico limitato
  • Persistere di processi primitivi di     semplificazione della parola
  • Strutture sillabiche limitate CVCV
  • Sfasamento cronologico: sistema fonologico più avanzato per alcuni aspetti ma gravemente in ritardo per altri  (ES: dice /s/ ma non /K/)
  • Errori non comuni (ES:scatola /satola/ anziché /katola/)

B – LESSICO DEL DSL

  • Lessico ridotto per estensione e varietà

C – MORFOSINTASSI DEL DSL

  • LME: incremento molto lento (24-36 mesi)
  • Persistenza di un’elevata percentuale di enunciati di una parola e al lento incremento degli enunciati multiparole
  • La percentuale di enunciati senza verbo persiste su valori elevati e mostra scarse variazioni nel tempo, mantenendo caratteristiche di telegraficità
  • Enunciati semplici (oltre 36 mesi): presentano per lungo tempo una organizzazione morfologica deficitaria (no segmenti fonetici indifferenziati)

C – MORFOSINTASSI DEL DSL

Morfologia flessiva: Il sistema delle flessioni verbali è acquisito molto lentamente e in modo incompleto; presenti errori come:sostituzioni dei modi del verbo con uso dell’infinito nella frase principale.

Morfologia libera: Compromissione maggiore degli articoli e dei clitici (categorie fortemente formalizzate e con minor contenuto semantico)

COSA FARE CON I BAMBINI CON DSL?

  • Ascoltare il bambino quando parla anche se mostra difficoltà con attenzione e serenità senza mostrare fretta e insofferenza
  • Favorire l’uso del gesto a supporto dell’efficacia comunicativa
  • Riformulare la produzione scorretta del bambino e non correggerla: il bambino impara implicitamente dal modello verbale adulto, non dall’esercizio diripetizione,quindi non ricattare per avere la produzione corretta
  • Semplificare il linguaggio
  • Denominare in modo contingente
  • Descrivere
  • Valorizzare le altre qualità del bambino in modo da aumentare la sua autostima
  • Lasciare che concluda sempre il suo discorso senza completare parole  e frasi

COSA NON FARE

  • Anticipare
  • Interrompere
  • Completare le sue parole/frasi
  • Dire che tanto si è già capito
  • Mortificare l’uso del gesto a sostegno del verbale
  • Chiedere di ripetere
  • Correggere l’errata pronuncia
  • ASPETTARE,
  • RIFORMULARE, RISTRUTTURARE!

 

Letto 12477 volte Ultima modifica il Martedì, 13 Novembre 2018 12:45

Pagina Facebook

Più Popolari

  • Lavorare per progetti: l'ambiente
    Lavorare per progetti: l'ambiente Il progetto annuale prende spunto dal rapporto bambino- ambiente, sviluppato in modo di ricondurlo agli elementi naturali: terra (3-4 anni), aria (3-4 anni), acqua (5 anni).Questo progetto è proteso all’educazione…
  • Recite per Bambini
    Recite per Bambini Come tutti gli anni nella scuola dell'infanzia si preparano le recite per le feste di fine anno, che di solito si tengono nel mese di Giugno.A questo proposito voglio segnalarvi…
  • Accoglienza ed Inserimento
    Accoglienza ed Inserimento Iniziare a frequentare la Scuola Materna è per i bambini un avvenimento carico di cambiamenti ed ognuno mette in atto personali strategie affettive e cognitive per affrontarlo.
  • Progetto Didattico per l'infanzia Inverno
    Progetto Didattico per l'infanzia Inverno Questo percorso si snoda lungo i mesi invernali, e porta con sè i colori, le feste, le routine e l'ambiente che circonda il bambino e dove egli vive le proprie…
  • Iscrizione Scuola Materna dal 3 al 28 febbraio 2014
    Iscrizione Scuola Materna dal 3 al 28 febbraio 2014 Il termine di scadenza per le iscrizioni alle scuole dell’infanzia, alle classi delle scuole del primo ciclo, alle classi del secondo ciclo, ivi comprese quelle relative ai percorsi di istruzione e formazione…

Scuola Infanzia Bottom

Seguici sui nostri canali Social, troverai molte infomazioni, idee, immagini e tanto altro per il tuo lavoro nella Scuola dell'Infanzia
Credits Web SEO Marketing

E' vietata la riproduzione, anche solo in parte, dei contenuti di questo sito web ® 2018.
Questo Sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001
Licenza Creative CommonsScuola Materna . NET di scuola-materna.net è distribuito con
Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia.