Progetti Didattici per la Scuola dell'Infanzia

Giovedì, 25 Ottobre 2018 15:15

Fare Coding nella Scuola dell'Infanzia

Scritto da
Vota questo articolo
(10 Voti)

Programmazione informatica: è questo il significato della parola inglese “coding”, non si tratta solo di insegnamenti per informatici e ingegneri: il coding è anche alla portata dei bambini.

Il coding possiamo intenderlo come una nuova lingua che permette di “dialogare” con il computer per assegnargli dei compiti e dei comandi in modo.

Semplice. Giocando a programmare si impara ad usare la logica, a risolvere problemi e a sviluppare il “pensiero computazionale”, un processo logico-creativo che consente di scomporre un problema complesso in diverse parti, per affrontarlo più semplicemente un pezzetto alla volta, così da risolvere il problema generale. Con il coding quindi anche i bambini potranno risolvere problemi “da grandi”, e diventare soggetti attivi della tecnologia e non passivi.

Capire che la sequenzialità logica che troviamo nelle azioni fatte per l’uso corretto di un materiale strutturato è la stessa che ritroviamo nell’attività di programmazione informatica. La tecnologia diventa sempre più importante nella nostra società ed è una parte importante del mondo in cui i nostri bambini vivono e che essi erediteranno. È compito dell’adulto far sì che la tecnologia non sovrasti il bambino che, da utente passivo qual è al momento, può diventare utente attivo

Competenze

  • Confrontarsi con i media e con i nuovi linguaggi della comunicazione.
  • Familiarizzare con l’esperienza della multimedialità.
  • Comprendere e descrivere concetti spaziali.
  • Conquistare l’autonomia nello svolgimento delle attività.

Modalità

  • Come primo approccio abbiamo affrontatole direzionalità, partendo da un punto abbiamo fatto col pennarello righe in su e righe in giu.
  • Schede di approfondimento sulle direzioni destra- sinistra sia nello spazio che con schede specifiche, davanti-dietro-sopra-sotto con schede e libri e con il corpo.
  • Schede di approfondimento sulle direzioni destra – sinistra sia nello spazio che grazie a schede specifiche, davanti – dietro – sopra -sotto sempre grazie ad esperienze corporee sia con schede specifiche.

Abbiamo letto un bellissimo libro che ci ha aiutato ad interiorizzare tutti i concetti spaziali. Leggere per divertirsi e imparare giocando: un libro fatto di rime e un gioco, allo stesso tempo. Al centro di tutto, lo scatolone, un oggetto comune, ma anche magico e affascinate. Che cosa diventa, infatti, se lo guardi con gli occhi della fantasia? Il bambino si confronta con lo scatolone per assumere coscienza di sé e del proprio corpo e imparare i concetti: dentro, fuori, sopra, sotto.

  • Labirrinti sia col corpo che con schede
  • Creazione di una griglia nel salone
  • Con l’uso delle frecce si comincia a creare percorsi nella griglia per sperimentare col corpo le direzionalità
  • Nel passaggio successivo si introducono ostacoli per affrontare imprevisti - formulare ipotesi e verificarle

Si gioca al gatto e topo dove due bambini rappresentano i personaggi e due squadre comandano il loro personaggio il topo deve scappare all’uscita e il gatto lo deve mangiare.

  • Disegniamo con la griglia usando le costruzioni proviamo a creare disegni nella griglia con i quadretti

Bisogna identificare 8 aspetti fondamentali della cittadinanza digitale che i bambini dovrebbero acquisire, dandogli le giuste competenze per poter contribuire in modo corretto al mondo digitale, come creatori di contenuti attivi:

  • Identità di cittadino digitale
  • Gestione del tempo davanti allo schermo
  • Gestione sicura dei propri dati in rete
  • Gestione del cyber bullismo
  • Empatia digitale
  • Pensiero critico
  • Gestione della privacy
  • Responsabilità della propria presenza in rete

Introduciamo la griglia a doppia entrata forma e colore.

Verifica

Il progetto ha riscontrato il vivo interesse e la vivace partecipazione dei bambini.

Ho notato difficoltà di parte di parecchi bambini a interiorizzare i concetti con la corporeità mentre con le schede si trovavano maggiormente sicuri, forse hanno una percezione meno corporea e più visiva.

Necessita senza dubbio di maggiore esercizio immersi nello spazio. Molto utile per un loro maggior sviluppo delle percezioni, delle loro tesi, buona la formulazione di ipotesi.

Il loro coinvolgimento è stato totale e spero proficuo.

Letto 6362 volte Ultima modifica il Sabato, 23 Marzo 2019 16:53

Pagina Facebook

Più Popolari

  • Lavorare per progetti: l'ambiente
    Lavorare per progetti: l'ambiente Il progetto annuale prende spunto dal rapporto bambino- ambiente, sviluppato in modo di ricondurlo agli elementi naturali: terra (3-4 anni), aria (3-4 anni), acqua (5 anni).Questo progetto è proteso all’educazione…
  • Recite per Bambini
    Recite per Bambini Come tutti gli anni nella scuola dell'infanzia si preparano le recite per le feste di fine anno, che di solito si tengono nel mese di Giugno.A questo proposito voglio segnalarvi…
  • Accoglienza ed Inserimento
    Accoglienza ed Inserimento Iniziare a frequentare la Scuola Materna è per i bambini un avvenimento carico di cambiamenti ed ognuno mette in atto personali strategie affettive e cognitive per affrontarlo.
  • Progetto Didattico per l'infanzia Inverno
    Progetto Didattico per l'infanzia Inverno Questo percorso si snoda lungo i mesi invernali, e porta con sè i colori, le feste, le routine e l'ambiente che circonda il bambino e dove egli vive le proprie…
  • Iscrizione Scuola Materna dal 3 al 28 febbraio 2014
    Iscrizione Scuola Materna dal 3 al 28 febbraio 2014 Il termine di scadenza per le iscrizioni alle scuole dell’infanzia, alle classi delle scuole del primo ciclo, alle classi del secondo ciclo, ivi comprese quelle relative ai percorsi di istruzione e formazione…

Scuola Infanzia Bottom

Seguici sui nostri canali Social, troverai molte infomazioni, idee, immagini e tanto altro per il tuo lavoro nella Scuola dell'Infanzia
Credits Web SEO Marketing

E' vietata la riproduzione, anche solo in parte, dei contenuti di questo sito web ® 2018.
Questo Sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001
Licenza Creative CommonsScuola Materna . NET di scuola-materna.net è distribuito con
Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia.