Stampa questa pagina
Giovedì, 08 Giugno 2017 16:30

Tradizioni natalizie

Scritto da
Vota questo articolo
(3 Voti)

Molte sono le tradizioni, le pratiche e i simboli familiari del Natale, come l'albero, il vischio, la stella di natale..eccone alcuni esempi da raccontare ai bambini per tener vive le tradizioni.

REGALI NELLE SCARPE

I bambini che abitano in Trentino o in Veneto,

la sera della vigilia di San Nicola, il 6 dicembre,

mettono fieno e sale nei loro scarponcini e li

collocano all’ esterno della soglia di casa.

Serviranno per l’ asinello di San Nicola che, dopo

Aver mangiato, riempirà le scarpe di dolci e

frutta secca.

L’ EPIFANIA

La Befana, una simpatica vecchia che viaggia

di notte a cavalcioni di una scopa, il giorno

dell’ Epifania (6 Gennaio) scende dal camino e

riempie i regali e dolcini le calze che i

bambini hanno appeso la sera prima.

I bambini che non meritano dolci sorprese

Avranno in regalo nero carbone.

IL CEPPO DI NATALE

In alcune regioni del Nord Italia alla

vigilia di Natale, i papà vanno nei boschi

per cercare un ceppo bello grosso da
bruciare nel camino.
Quando trovano quello adatto,
lo portano tra grandi festeggiamenti:
è il ceppo di Natale!
Porterà fortuna se lo si farà ardere per i
Dodici giorni del periodo Natalizio.

I MERCATINI DI NATALE

 sono la tradizione natalizia per eccellenza,

sono numerose le città italiane ed internazionali

che ne organizzano uno, creando nella centro storico

un’atmosfera affascinante ed incantata,

anche il Mercatino ha origini molto antiche,

legate a storiche tradizioni.

IL TORRONE

 il torrone è un dolce tradizionalmente natalizio.

Spesso però lo troviamo sottoforma di cioccolatino per tutto l’anno.
Noi italiani attribuiamo la nascita del torrone a Cremona,

ed in parte è vero, ma un prodotto molto simile ha origine

nel popolo arabo che poi lo esportò nella zona mediterranea,

in particolare Spagna ed Italia.
Il torrone spagnolo nacque nella regione di Alicante.

Alcune testimonianze parlano della sua comparsa nel XVI secolo.
Il torrone italiano, il cui luogo d’origine fu appunto Cremona, è ancora più remoto.

LA STELLA DI NATALE

La pianta più diffusa e tipica delle festa natalizie.
La protagonista di questa storia è una bambina messicana

che fa un dono bellissimo a Gesù nella notte della vigilia di natale.

A Città del Messico, viveva una povera bambina indiana di nome Ines.
La sera della vigilia di Natale voleva portare un fiore a Gesù Bambino ma

non aveva i soldi per acquistarlo. Girò per strada senza sapere cosa fare,

poi decise di raccogliere dei rametti da un cespuglio visto per caso tra i ruderi di una chiesa. 
Dopo averli raccolti pensò di abbellire il mazzetto con l'unica cosa bella che possedeva:

un fiocco rosso per capelli. Arrivò alla chiesa che ormai era buio e Ines pensò

di non trovarci nessuno. Una volta davanti a Gesù Bambino, depose il suo mazzolino.

Subito dopo averlo messo vicino alla statua, sentì dietro di sé delle voci: erano delle

persone stupite ed incuriosite dal bellissimo fiore di Ines; così le chiesero dove

avesse trovato un fiore così splendido.
Ines si voltò verso il suo mazzolino e, incredula, vide che le foglie verdi del cespuglio

si erano colorate di rosso e le bacche color oro al centro avevano preso la forma di un cuore.
Ines tornò a casa felice pensando che a Gesù fosse piaciuto il suo dono perché lo aveva

trasformato nel fiore più bello del Messico: la Stella di Natale.

IL PRESEPE

La tradizione del presepe ha origini antichissime, infatti deriva dal culto dei Lari,

diffuso fra i Romani e gli Etruschi. I Lari erano gli antenati e venivano rappresentati

con delle piccole statue. Il 20 dicembre le statue venivano disposte sopra

un piccolo altare presso il quale la famiglia si riuniva per pregare.

La tradizione del presepe è particolarmente radicata a Napoli. Le statue,

in legno e vestite con abiti di stoffa, sono delle vere e proprie opere d'arte.

Le tradizionali tecniche di produzione artigianale risalgono al XV secolo.

A Napoli, l'Associazione Italiana Amici del Presepio organizza ogni anno mostre di arte presepiale.

NATALE NEL MONDO

In altri paesi i protagonisti sono altri :San Nicola, Nonno Gelo, O Sinter Klaass.

Il Natale è comunque la festività più sentita nel mondo, ma il modo di festeggiarlo è vario,

e molto diverse sono le forme di celebrazioni che cambiano da paese a paese.

In ogni caso, la grande varietà di tradizioni popolari e religiose sono tutte vissute

con gioia insieme a parenti ed amici con i quali si scambiano doni per gioire ed offrire gioia.

In tutto il mondo il vero contenuto religioso del Natale si è andato modificando nel tempo

assumendo un aspetto consumistico e laico, ma molte sono le tradizioni rimaste immutate nel tempo.

Un elemento comune a tutti i festeggiamenti nel mondo è l’usanza di scambiarsi dei doni.

Mentre in Italia i doni vengono deposti sotto l’albero dal mitico vecchietto,

e si aspetta la mezzanotte per aprirli, in Francia i bambini mettono scarpe o zoccoli sul focolare

affinché Gesù vi deponga i doni, in Russia è Nonno Gelo, in Olanda è Sinter Klaass 

che insieme al suo servitore, Pietro il Nero, porta tanti doni ai bambini buoni,

mentre in Spagna i bambini ricevono i regali il sei gennaio.

Altro punto in comune nella varietà di festeggiamenti è senz’altro il cenone

della Vigilia di Natale che è estremamente vario ma con elementi ricorrenti in ogni tradizione,

quale Il pane che è offerto nelle festività in forme e modi diversi come simbolo della eternità

e della fertilità della terra. Anche il fuoco è un forte simbolo del Natale, anche se l’originario ceppo,

simbolo del calore nei freddi mesi invernali è stato sostituito dalle candele, elementi essenziali

per conferire all’ambiente un vero spirito natalizio.

L'AGRIFOGLIO

 è un arbusto spinoso con foglie di un bel verde scuro ed infiorescenze a grappolo di un rosso acceso.

E' divenuto simbolo di Natale perchè fin dai tempi dei primi cristiani era ritenuto un portafortuna ed era utilizzato per abbellimento

. Esso è, infatti, pieno di simboli: le foglie spinose ricordano la corona di spine di Gesù, il rosso delle bacche il suo sangue.

IL VISCHIO

 è una pianta parassita con foglie verdi e bacche gialle piene di resina.

Secondo la tradizione, ripresa dai Celti il vischio porta fortuna.

Gli antichi popoli nordici lo ritenevano una pianta donata dagli dei, proprio perchè priva di radici,

ed era la pianta sacra alla dea dell'amore.

Da allora è tradizione che donare un ramo di vischio sia di buon auspicio e che scambiarsi

un bacio sotto di esso sia  promessa di amore, pace e serenità.

 

 

 

Letto 3950 volte Ultima modifica il Lunedì, 12 Novembre 2018 20:37

Ultimi da Scuola dell'Infanzia

Articoli correlati (da tag)