Scuola dell'Infanzia ▷ Imparare a Leggere

Scuola Matena . NET

Language 

itenfrdeptrues

Login 

Chi Siamo 

 SCUOLA MATERNA . NET è il sito in cui trovare materiale per la Scuola dell'Infanzia, schede didattiche, progetti didattici e tanto altro ancora.

Pagina Facebook 

Chi c'è on line? 

Abbiamo 459 visitatori e nessun utente online

Vedi Anche 

Giovedì, 08 Giugno 2017 16:30

Imparare a Leggere

Scritto da
Vota questo articolo
(1 Vota)

Imparare a leggere consiste nel connettere due sistemi cerebrali del bambino: quello visivo del riconoscimento delle forme e quello imputato al linguaggio.

L’apprendimento passa attraverso tre fasi: la pittorica, in cui il bambino fotografa le parole; la fonologica in cui impara a decodificare le lettere in suoni; la tappa ortografica, in cui automatizza il riconoscimento delle parole.

Prima che il bambino possa apprendere la lettura, nel suo cervello sono già attivi la comprensione del linguaggio parlato ed il riconoscimento visivo dei segni, cioè le due facoltà essenziali che la lettura ricicla e interconnette. Fin dal primo giorno di vita, il neonato percepisce i contrasti linguistici ed ha attenzione particolare per la prosodia della sua lingua materna ed anzi attraverso la neuroimmagine (usata sempre più frequentemente per studiare il funzionamento del cervello)  si è potuto stabilire che la rete neuronale del neonato non è disorganizzata bensì organizzata come quella di un adulto: le competenze linguistiche del bambino riposano già su una rete corticale dell’emisfero sinistro (lo stesso emisfero nell’adulto si attiva quando egli elabora il linguaggio!)

La regione temporale superiore analizza i suoni della lingua mentre il solco temporale superiore sinistro mostra un’organizzazione gerarchica probabilmente legata a una analisi progressiva dei fonemi, delle parole e delle frasi. L’area di Broca (regione frontale inferiore sinistra) implicata nella produzione della parola e nell’analisi della grammatica, nel bambino di soli tre mesi si attiva durante l’ascolto di frasi anche se a questa età egli non sa ancora pronunciare suoni distinti.

Tutte queste precondizioni iniziali si trasformano con l’apprendimento perché il linguaggio ovviamente non nasce già pronto! Durante il primo anno di vita la rete delle aree del linguaggio si specializza gradualmente sotto influenza della lingua madre. A partire dal 6° mese la rappresentazione delle vocali (detta spazio vocalico) si deforma per rappresentare meglio le vocali della lingua madre. Verso gli 11-12 mesi le consonanti convergeranno verso il repertorio appropriato.

Il cervello del bambino estrae, smista e classifica i segmenti di parola come potrebbe farlo un naturalista o uno statistico. Sfrutta le regolarità delle sequenze che ascolta per inferire quali transizioni sonore siano possibili, eliminando quelle che sono escluse. E’ così che estrae le regole fono tattiche della sua lingua. Le statistiche che le sue aree del linguaggio compilano inconsciamente, gli permettono anche di scoprire e ritagliare le sequenze che si ripresentano spesso: saranno queste le sue prime parole.

Verso la fine del secondo anno esplode il vocabolario del bambino mentre si assesta la grammatica. Si stima che nel momento in cui comincia a leggere, il bambino possieda una rappresentazione dettagliata della fonologia della propria lingua, un vocabolario di alcune migliaia di parole e una padronanza delle principali strutture grammaticali e della maniera in cui trasmettono il significato.

In parallelo si struttura il sistema visivo del bambino.  Fin dai primi giorni di vita il bambino presta un’attenzione particolare ai volti e questi sembrano già attivare come nell’adulto una parte della regione occipito-temporale destra, specializzazione che si amplificherà nel corso del primo anno di vita. Nel secondo anno di vita il bambino impara a riconoscere un volto anche indipendentemente dal contesto in cui è presentato; tale processo proseguirà fino al decimo anno di vita del bambino. Competenze linguistiche e competenze visive sono molto importanti per l’apprendimento della lettura…

I neuroni della lettura – Stanislas Dehaene

D. Tomassini
Letto 6744 volte Ultima modifica il Giovedì, 08 Giugno 2017 16:30
Altro in questa categoria: « La socializzazione Non sono scarabocchi »

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Cookie policy

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo facciamo uso dei cookie. I cookie sono piccole porzioni di dati che ci permettono di confrontare i visitatori nuovi e quelli passati e di capire come gli utenti navigano attraverso il nostro sito. Utilizziamo i dati raccolti grazie ai cookie per rendere l’esperienza di navigazione più piacevole e più efficiente in futuro.

I cookie non registrano alcuna informazione personale su un utente e gli eventuali dati identificabili non verranno memorizzati. Se si desidera disabilitare l’uso dei cookie è necessario personalizzare le impostazioni del proprio computer impostando la cancellazione di tutti i cookie o attivando un messaggio di avviso quando i cookie vengono memorizzati. Per procedere senza modificare l’applicazione dei cookie è sufficiente continuare con la navigazione.

Visita AboutCookies.org per ulteriori informazioni sui cookie e su come influenzano la tua esperienza di navigazione.

I tipi di cookie che utilizzano

Performance cookie

Questi cookie raccolgono informazioni su come gli utenti utilizzano un sito web, ad esempio, quali sono le pagine più visitare, se si ricevono messaggi di errore da pagine web. Questi cookie non raccolgono informazioni che identificano un visitatore. Tutte le informazioni raccolte tramite cookie sono aggregate e quindi anonime. Vengono utilizzati solo per migliorare il funzionamento di un sito web. Utilizzando il nostro sito, l’utente accetta che tali cookie possono essere installati sul proprio dispositivo.

Come gestire i cookie sul tuo PC

Se si desidera consentire i cookie dal nostro sito, si prega di seguire i passaggi riportati di seguito

Google Chrome

Clicca su “Strumenti” nella parte superiore della finestra del browser e selezionare Opzioni
Fai clic sulla scheda ‘Roba da smanettoni’ , individua la sezione ‘Privacy’, e seleziona il pulsante “Impostazioni contenuto”
Ora seleziona ‘Consenti dati locali da impostare’
Microsoft Internet Explorer 6.0, 7.0, 8.0, 9.0

Clicca su “Strumenti” nella parte superiore della finestra del browser e seleziona ‘Opzioni Internet’, quindi fai clic sulla scheda ‘Privacy’
Per attivare i cookie nel tuo browser, assicurati che il livello di privacy è impostato su Medio o al di sotto,
Impostando il livello di privacy sopra il Medio disattiverai l’utilizzo dei cookies.
Mozilla Firefox

Clicca su “Strumenti” nella parte superiore della finestra del browser e seleziona “Opzioni”
Quindi seleziona l’icona Privacy
Fai clic su Cookie, quindi seleziona ‘permetto ai siti l’utilizzo dei cookie’
Safari

Fai clic sull’icona Cog nella parte superiore della finestra del browser e seleziona l’opzione “Preferenze”
Fai clic su ‘Protezione’, seleziona l’opzione che dice ‘Blocco di terze parti e di cookie per la pubblicità’
Fai clic su ‘Salva’
Come gestire i cookie su Mac

Se si desidera consentire i cookie dal nostro sito, si prega di seguire i passaggi riportati di seguito:

Microsoft Internet Explorer 5.0 su OSX

Fai clic su ‘Esplora’ nella parte superiore della finestra del browser e seleziona l’opzione “Preferenze”
Scorri verso il basso fino a visualizzare “Cookie” nella sezione File Ricezione
Seleziona l’opzione ‘Non chiedere’
Safari su OSX

Fai clic su ‘Safari’ nella parte superiore della finestra del browser e seleziona l’opzione “Preferenze”
Fai clic su ‘Sicurezza’ e poi ‘Accetta i cookie’
Seleziona “Solo dal sito”
Mozilla e Netscape su OSX

Fai clic su ‘Mozilla’ o ‘Netscape’ nella parte superiore della finestra del browser e seleziona l’opzione “Preferenze”
Scorri verso il basso fino a visualizzare i cookie sotto ‘Privacy e sicurezza’
Seleziona ‘Abilita i cookie solo per il sito di origine’
Opera

Fai clic su ‘Menu’ nella parte superiore della finestra del browser e seleziona “Impostazioni”
Quindi seleziona “Preferenze”, seleziona la scheda ‘Avanzate’
Quindi seleziona l’opzione ‘Accetta i cookie ”
Google Analytics

Questo sito web utilizza Google Analytics, un servizio di analisi web fornito da Google , Inc. ( “Google”) . Google Analytics utilizza dei “cookies” , che sono file di testo depositati sul Vostro computer per consentire al sito web di analizzare come gli utenti utilizzano il sito . Le informazioni generate dal cookie sull’utilizzo del sito web ( compreso il Vostro indirizzo IP anonimo ) verranno trasmesse e depositate presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizzerà queste informazioni allo scopo di esaminare il Vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito per gli operatori dello stesso e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all’utilizzo di internet. Google può anche trasferire queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google . Google non assocerà il vostro indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google. Potete rifiutarvi di usare i cookies selezionando l’impostazione appropriata sul vostro browser, ma si prega di notare che se si fa questo non si può essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web . Utilizzando il presente sito web, voi acconsentite al trattamento dei Vostri dati da parte di Google per le modalità ed i fini sopraindicati .

Si può impedire a Google il rilevamento di un cookie che viene generato a causa di e legato al Vostro utilizzo di questo sito web (compreso il Vostro indirizzo IP) e l’elaborazione di tali dati scaricando e installando questo plugin per il browser

http://tools.google.com/dlpage/gaoptout?hl=en

#fc3424 #5835a1 #1975f2 #2fc86b #f_syc9 #eef77 #020614063440